Gruppo di musica etnica e tradizionale della Romagna

L’Uva Grisa nasce a Bellaria Igea Marina (RN) nel 1981 come esperienza artistica, di ricerca e aggregazione intorno alla cultura tradizionale della Romagna. Il suo lavoro è rivolto alla conoscenza critica e alla pratica degli antichi repertori di musica, canto e danza; alla valorizzazione dei modi espressivi della cultura orale e le forme di socialità ad essi legate

Warning: fread(): Length parameter must be greater than 0 in /web/htdocs/www.uvagrisa.it/home/wp-content/themes/uvagrisa/template/header.php on line 33
Visitatore n.

L’Uva Grisa in due parole

L’Uva Grisa (l’uva aspra) nasce a Bellaria Igea Marina (RN) nel 1981, come esperienza artistica, d’aggregazione e di ricerca permanente intorno alla cultura tradizionale in Romagna. Si è costituita come gruppo di “radicamento”, legata ai valori della Comunità e del territorio, con l’intento di riscoprire alcuni contenuti sociali ed estetici della propria cultura di appartenenza. Per questo ha svolto diverse indagini sui vissuti popolari, le storie di vita, privilegiando le narrazioni orali, le forme espressive dell’antica cultura popolare, i luoghi della socialità.  Particolare attenzione è stata data al repertorio dei canti contadini (canti rituali, narrativi, ecc.) e a quello urbano dei canti d’osteria, raccolto direttamente dagli anziani cantori. La rielaborazione dei materiali reperiti ha dato luogo, via via, a manifestazioni musicali anche a carattere teatrale, concerti, feste da ballo, interventi di strada.

Il Gruppo ha costruito la sua matrice musicale sui modi scoperti e acquisiti andando nelle osterie, e soprattutto nelle case a cantare la Pasquella, il canto rituale di questua dell’Epifania. Per questo da sempre privilegia le situazioni di  strada a contatto ravvicinato con la gente.

L’Uva Grisa ama anche suonare per far ballare. Grazie al suo violinista “storico” Mario Venturelli, ha ripreso ad eseguire il vecchio repertorio di sala, valzer, polke, mazurche, ecc., composto tra la fine dell’Ottocento  e i primi decenni del secolo scorso da autori locali rimasti in molti casi sconosciuti.

Dai primi anni ‘90, grazie alle ricerche etnomusicali e coreutiche condotte in tutta la Romagna da Pino Gala e Gualtiero Gori, ed anche ai contributi di Roberto Bucci, Alberto Montanari, Mauro Platani,  per l’area faentina, il gruppo ha esteso la propria attività alla pratica e alla didattica di balli etnici rimasti in funzione nelle aree rurali fino agli anni Cinquanta del Novecento. Propone, inoltre, laboratori di musica d’inseme sui repertori di canto e di musica da ballo della tradizione locale, scaturiti dal proprio lavoro di ricerca etnomusicale sul territorio.

Nel nuovo millennio, l’Uva Grisa, ha riservato una costante attenzione alla creazione di occasioni di dialogo, confronto fra le diverse culture, in un ottica di solidarietà umana e prevenzione del disagio socio-culturale in una società in continua trasformazione.